menu

Keep in touch

Il Progetto

San Sperate

San Sperate è il centro propulsore del muralismo in Sardegna. Qui nel 1968 Pinuccio Sciola attiva un  movimento culturale che attraverso  i  muri dipinti intende rigenerare la realtà  di  San  Sperate, reinterpretando le tradizioni e la sua storia in un contesto contemporaneo. È il progetto “Paese Museo”:  San Sperate, conosciuto al di fuori dei confini isolani, diventa un centro alternativo ai sistemi istituzionali  dell’arte. Tra le pareti dipinte e le installazioni, le vie e le piazze si trasformano in spazi “visivi”, ancora oggi  aperti alle sperimentazioni dell’arte urbana.

Senza titolo

Pinuccio Sciola

vernice muraria e pennelli
1985 - 1990 ca.
vico I San Giovanni

Senza titolo

Diego Asproni

vernice muraria e pennelli
1995
via Monastir

Let forever be

Yama

bomboletta spray
2014
vico I San Giovanni

Senza titolo

Skan

Yama

Ores

bomboletta spray
2015
via Cagliari

uMani – Omaggio a Pinuccio sciola e Gianmaria Testa

Oriol Caminal Martinez

vernice muraria e pennelli
2016
 vico II San Giovanni

 Telecinesi

Giorgio JE

Manu Invisible

bomboletta spray
2016
via Monastir

Senza titolo

Raffaele Muscas

vernice muraria e pennelli
2008
via Decimo

Senza titolo

Vincenzo Ganadu

vernice muraria e pennelli
1995
via Decimo

Senza titolo

Luciano Lixi

vernice muraria e pennelli
1995
via Sardegna

Senza titolo

Elke Reuter

vernice muraria e pennelli
1969
via Bau Ninni Cannas

Senza titolo

Pinuccio Sciola

incisione su cemento
1985 - 1999
vico I San Giovanni

Senza titolo

Angelo Pilloni

vernice muraria e pennelli
2000
via Monastir

Senza titolo

Angelo Pilloni

vernice muraria e pennelli
2000
via Sant’Andrea

San Sperate

San Sperate è il centro propulsore del muralismo in Sardegna. Qui nel 1968 Pinuccio Sciola attiva un  movimento culturale che attraverso  i  muri dipinti intende rigenerare la realtà  di  San  Sperate, reinterpretando le tradizioni e la sua storia in un contesto contemporaneo. È il progetto “Paese Museo”:  San Sperate, conosciuto al di fuori dei confini isolani, diventa un centro alternativo ai sistemi istituzionali  dell’arte. Tra le pareti dipinte e le installazioni, le vie e le piazze si trasformano in spazi “visivi”, ancora oggi  aperti alle sperimentazioni dell’arte urbana.

Sciola- -senza titolo 2

Senza titolo

Pinuccio Sciola

vernice muraria e pennelli
1985 - 1990 ca.
vico I San Giovanni
Asproni - senza titolo

Senza titolo

Diego Asproni

vernice muraria e pennelli
1995
via Monastir
Yama - Let forever be

Let forever be

Yama

bomboletta spray
2014
vico I San Giovanni
Skan Yama Ores - senza titolo

Senza titolo

Skan

Yama

Ores

bomboletta spray
2015
via Cagliari
Martinez - senza titolo

uMani – Omaggio a Pinuccio sciola e Gianmaria Testa

Oriol Caminal Martinez

vernice muraria e pennelli
2016
 vico II San Giovanni
ManuInvisible GiorgioJE - Telecinesi

 Telecinesi

Giorgio JE

Manu Invisible

bomboletta spray
2016
via Monastir
Muscas - senza titolo

Senza titolo

Raffaele Muscas

vernice muraria e pennelli
2008
via Decimo
Ganadu - senza titolo

Senza titolo

Vincenzo Ganadu

vernice muraria e pennelli
1995
via Decimo
Lixi - senza titolo

Senza titolo

Luciano Lixi

vernice muraria e pennelli
1995
via Sardegna
Reuter - senza titolo

Senza titolo

Elke Reuter

vernice muraria e pennelli
1969
via Bau Ninni Cannas
Sciola - senza titolo

Senza titolo

Pinuccio Sciola

incisione su cemento
1985 - 1999
vico I San Giovanni
Pilloni - senza_titolo

Senza titolo

Angelo Pilloni

vernice muraria e pennelli
2000
via Monastir
Pilloni - senza titolo

Senza titolo

Angelo Pilloni

vernice muraria e pennelli
2000
via Sant’Andrea